La Dissociazione: Difesa o (Re)azione?

0

La Dissociazione: Difesa o (Re)azione?

I fenomeni dissociativi, osservabili nella vita di tutti i giorni, emergono quando ci troviamo di fronte ad esperienze emotive forti, che travalicano la nostra capacità di reagirvi. Non vi è mai capitato di “non avere più in mente” il motivo di un litigio subito dopo aver sfogato la vostra rabbia? Vi siete mai chiesti come mai sempre più adolescenti si ritrovano imbambolati davanti ad uno schermo per ore? Oppure, quante volte ci siamo definiti “sovrappensiero” perché non abbiamo sentito il suono del telefono durante la lettura di un
libro “troppo” interessante?

 

In ambito psicologico la dissociazione definisce un’alterazione delle funzioni integrative della coscienza o dell’identità, che comporta una discontinuità del pensiero cosciente dovuta ad una non integrazione di esperienze solitamente associate tra di loro (Janet, 1889). Il vantaggio è quello di un iniziale distacco, come ad esempio uscire dal proprio corpo temporaneamente quando questo si trova in pericolo di vita; lo svantaggio è quando questa modalità si presenta con alta intensità e frequenza, strutturando un’azione automatica che si attiva in situazioni in cui la sopravvivenza del soggetto non è realmente a rischio.

Il distacco ci permette un iniziale sollievo, consentendoci la possibilità di agire in un secondo momento, quando (ri)troviamo le capacità di farlo.

 

Un fenomeno dissociativo lieve: l’assorbimento.

Gli esempi che avete letto all’inizio, descrivono bene il concetto di assorbimento, definito in psicologia come
la tendenza a coinvolgere la propria mente in situazioni di attenzione alterata e altamente focalizzata (Tellegen e Atkinson, 1974). Rientrano in questa definizione anche quei momenti in cui sogniamo ad occhi aperti, ci troviamo assorbiti da altri pensieri o fantasie, oppure durante le sessioni di meditazione, dove si riscontra una vera e propria percezione alterata del proprio stato di coscienza. Da qui derivano le tecniche
moderne di mindfulness, che vengono applicate, principalmente e con successo, in tutta quella serie di disturbi che coinvolgono lo spettro ansioso (Didonna, 2012).

Provate inoltre a pensare alle espressioni “perdere la testa” e “avere la testa tra le nuvole”: solitamente, si associano ad un flusso incontrollato di emozioni, una cascata impetuosa di sensazioni che connotano le prime fasi dell’innamoramento, quella condizione in cui “non riusciamo a non pensare ad altro che..” oppure, quando i pensieri si addensano attorno a una meta precisa, restringendo la nostra realtà fino a farla coincidere con l’altra persona, come se non esistesse nulla al di là di essa.

 

La dissociazione come difesa psichica

Se prendiamo in considerazione da vicino alcuni degli eventi più estremi che ci possono accadere, capiamo
bene come il meccanismo dissociativo possa essere letto in chiave difensiva: sto pensando ai momenti di
blackout, alle condizioni post-chirurgiche serie, alle amnesie dissociative delle vittime di stupro e allo
stato in cui vivono i superstiti di catastrofi e/o guerre, dove spesso il ricordo dell’evento traumatico irrompe sotto forma di flashback.

In tutte queste condizioni esiste il pericolo concreto che la propria sopravvivenza sia a rischio, e con essa la nostra organizzazione psichica: si parla di situazione traumatica (Mangini, 2001) quando l’Io non riesce a
reagire a stimoli esterni estremi e utilizza meccanismi di difesa inadeguati a causa di una sua peculiare fragilità. Nello specifico della dissociazione, essa si struttura come una reazione intensa e continua che viene applicata ogniqualvolta la persona si senta minacciata, anche quando lo stimolo minaccioso non è più presente (oppure viene camuffato).

“La dissociazione è una reazione ‘normale’ a un trauma, ma non si può dire che il trauma sia evolutivamente normale” (Mc. Williams, 1994, p. 135).

In soggetti con disturbo post-traumatico da stress, ad esempio, dove si assiste ad una cronica ripetizione della scena traumatica, la dissociazione è il meccanismo di difesa d’elezione. Tramite la sua comprensione si cerca di favorire l’elaborazione della tematica sottostante, con l’obiettivo di andare a modificare l’innesco del meccanismo dissociativo. In situazioni come queste è consigliato rivolgersi a professionisti specifici con cui poter concordare un percorso di supporto, che nel tempo si tradurrà in un vorticoso processo di crescita personale.

 

Bibliografia

  • Didonna, F. (2012) Manuale clinico di mindfulness, Franco Angeli Editore.
  • Janet, P. (1889) L’automatisme Psychologique, Felix Alcan, Paris.
  • Mangini, E. (2001) Lezioni sul pensiero freudiano e sue iniziali diramazioni, LED, Milano.
  • Mc Williams, N. (1994) La diagnosi psicoanalitica, Astrolabio Ubaldini, Roma.
  • Tellegen, A., Atkinson, G. (1974) Openness to absorbing and self-altering experiences (“absorption”), a trait related to hypnotic susceptibility. Journal of Abnormal Psychology, 83, pp. 268-277.

 

 

Redazione Pagine Blu

Condividi.

Informazioni sull'autore

Lascia una risposta