Ne uscirò viva. Oppure no?

In questa sezione del forum puoi ottenere informazioni su tutto ciò che riguarda i disturbi del comportamento alimentare (DCA).
Rispondi
unonessuno
Messaggi: 3
Iscritto il: 27 luglio 2014, 15:31

Ne uscirò viva. Oppure no?

Messaggio da unonessuno » 27 luglio 2014, 15:51

Buongiorno a tutti, ho 20 anni e, che io ricordi, non ho mai avuto un buon rapporto con il cibo. Vi scrivo in un momento particolare: ho mangiato fuori pasto, ancora una volta - sono andata in bagno, cercando di vomitare, ancora una volta - tuttavia non sono riuscita ad espellere assolutamente nulla. Una parte di me non riesce a farsene una ragione, l'altra sta cercando, attraverso questo sfogo, di mettere un punto a questa storia, iniziata molto tempo fa, tra alimentazione incontrollata, bulimia e sensi di colpa. L'alimentazione incontrollata, infatti, mi ha accompagnato per molto - il cibo ha sempre colmato le mie mancanze (e quelle dei miei genitori) - fino ai 18 anni. Da due anni ho smesso, ho cercato di controllarmi. Pensavo stesse andando tutto per il meglio fin quando non è nato il mio "diario delle calorie", nel quale appuntavo ogni grammo di cibo ingurgitato. Ad oggi non assumo più di 500-550 kcal al giorno - generalmente il mio scopo è quello di non superare le 450, ed ogni tanto mi riesce, e bene - ma sgarrando di volta in volta durante il giorno mi capita di superare le 600 (oggi, ad esempio). Ho perso molti kg da quando ho iniziato (13 kg) e non riesco più a smettere di preoccuparmi, contare, vomitare, vagare nel mio labirinto di assurde ossessioni che non mi fanno respirare. Ciò che mi demoralizza maggiormente è il fatto che in tutta la mia vita io non abbia desiderato altro che la magrezza (costole, vertebre, bacino sporgenti, spazio tra le gambe, ginocchia accentuate) e ora? Ora ho tutto questo, ma non le forze per muovermi, uscire, divertirmi (cosa che un tempo non facevo in ogni caso per via delle mie insicurezze e che speravo di superare modificando il mio aspetto). Mi sento un mostro tutt'ossa e non riesco a smettere di non mangiare. Se riesco poi, non riesco a smettere di vomitare. Vorrei tanto resettare la mia vita. Ricominciare da zero. Essere libera da quest'ansia di mangiare, ingrassare, pesarmi dieci volta al giorno, assumere tonnellate di lassativi. Voglio sentirmi leggera.

Ho bisogno di aiuto.

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Re: Ne uscirò viva. Oppure no?

Messaggio da Davide49 » 28 luglio 2014, 9:15

unonessuno ha scritto:Buongiorno a tutti, ho 20 anni e, che io ricordi, non ho mai avuto un buon rapporto con il cibo. Vi scrivo in un momento particolare: ho mangiato fuori pasto, ancora una volta - sono andata in bagno, cercando di vomitare, ancora una volta - tuttavia non sono riuscita ad espellere assolutamente nulla. Una parte di me non riesce a farsene una ragione, l'altra sta cercando, attraverso questo sfogo, di mettere un punto a questa storia, iniziata molto tempo fa, tra alimentazione incontrollata, bulimia e sensi di colpa. L'alimentazione incontrollata, infatti, mi ha accompagnato per molto - il cibo ha sempre colmato le mie mancanze (e quelle dei miei genitori) - fino ai 18 anni. Da due anni ho smesso, ho cercato di controllarmi. Pensavo stesse andando tutto per il meglio fin quando non è nato il mio "diario delle calorie", nel quale appuntavo ogni grammo di cibo ingurgitato. Ad oggi non assumo più di 500-550 kcal al giorno - generalmente il mio scopo è quello di non superare le 450, ed ogni tanto mi riesce, e bene - ma sgarrando di volta in volta durante il giorno mi capita di superare le 600 (oggi, ad esempio). Ho perso molti kg da quando ho iniziato (13 kg) e non riesco più a smettere di preoccuparmi, contare, vomitare, vagare nel mio labirinto di assurde ossessioni che non mi fanno respirare. Ciò che mi demoralizza maggiormente è il fatto che in tutta la mia vita io non abbia desiderato altro che la magrezza (costole, vertebre, bacino sporgenti, spazio tra le gambe, ginocchia accentuate) e ora? Ora ho tutto questo, ma non le forze per muovermi, uscire, divertirmi (cosa che un tempo non facevo in ogni caso per via delle mie insicurezze e che speravo di superare modificando il mio aspetto). Mi sento un mostro tutt'ossa e non riesco a smettere di non mangiare. Se riesco poi, non riesco a smettere di vomitare. Vorrei tanto resettare la mia vita. Ricominciare da zero. Essere libera da quest'ansia di mangiare, ingrassare, pesarmi dieci volta al giorno, assumere tonnellate di lassativi. Voglio sentirmi leggera.

Ho bisogno di aiuto.
ciao.
io non sono un esperto di problemi legati all'alimentazione e non sono in grado di aiutarti in modo specialistico, però mi ha colpito questo tuo scritto, dove si sente la tua fatica ma anche la tua positività.
soprattutto mi ha fatto pensare quella frase finale "Voglio sentirmi leggera", dove a me sembra quasi che la leggerezza fisica sia un sostituto di una maggiore leggerezza del vivere, spensieratezza, ricerca della tua strada e dei tuoi progetti, ricerca della felicità, a cui hai pieno diritto.
ripeto, io ci sento tanta positività tra le righe di quanto hai scritto. la vita è ancora tutta davanti e hai mille porte da aprire, un mondo anche tuo da scoprire o da costruire. c'è questa difficoltà, affrontala con l'aiuto di un medico e, gradualmente, con l'aiuto di te stessa. cerca di volerti bene.
un saluto di cuore.

jessyca
Messaggi: 234
Iscritto il: 27 aprile 2014, 0:26

Re: Ne uscirò viva. Oppure no?

Messaggio da jessyca » 29 luglio 2014, 13:34

Ahahahah... Davide, neppure questa volta l'utente supplice ha risposto! Anche se risponderà in seguito è un po' diverso.
È inutile, secondo me non è tanto perché desiderano la risposta dello specialista, ma è proprio un sintomo della malattia stessa, di una nevrosi imperante del nostro tempo; altro che felicità!
In questi ultimi decenni la società ci sta allontanando sempre di più dalla possibilità di essere felici. I più esposti all'infelicità sono proprio i più giovani. Infatti, la maggior parte degli utenti "mordi e fuggi" di questo forum sono giovani al di sotto dei 30 anni.
Credo sia un malessere di fondo che è base o concausa dei disturbi che accusano.

Abbiamo tutti bisogno d'aiuto, e beato chi lo trova sul serio! Siamo sempre più soli, isolati, frustrati e nevrotici e, se senza un buon reddito, fra poco finiremo anche senza neppure assistenza sanitaria nazionale perché non ci sono più fondi disponibili, altro che felicità!

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Re: Ne uscirò viva. Oppure no?

Messaggio da Davide49 » 30 luglio 2014, 12:29

sì, dispiace che chi chiede un aiuto e riceve una risposta, poi non si faccia vivo manco x dire ciao. ma fa niente, va quasi bene lo stesso. e il post era cmque interessante e forse a qualcuno è servito o servirà leggerlo.

unonessuno
Messaggi: 3
Iscritto il: 27 luglio 2014, 15:31

Re: Ne uscirò viva. Oppure no?

Messaggio da unonessuno » 2 agosto 2014, 14:32

Mi scuso per il fatto di non aver risposto immediatamente, Davide. Sono capitata per puro caso in questo forum, in cerca di uno sfogo e di un consiglio. Mi scuso ancora una volta, quindi, per aver trascurato io stessa in primis la mia richiesta di aiuto. Mi dispiace di non aver detto neppure "ciao". Ma ti ringrazio lo stesso per il tuo supporto e ti saluto ora (se conta). :)
Per quanto riguarda Jessyca "anche se risponderà in seguito è un po' diverso", sinceramente è un concetto che mi sfugge e, semanticamente parlando, odio definirmi un'utente supplice, una vittima. Mi fa piacere che io sia riuscita a strapparti due risate. Saluti.

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Re: Ne uscirò viva. Oppure no?

Messaggio da Davide49 » 2 agosto 2014, 16:20

unonessuno ha scritto:Mi scuso per il fatto di non aver risposto immediatamente, Davide. Sono capitata per puro caso in questo forum, in cerca di uno sfogo e di un consiglio. Mi scuso ancora una volta, quindi, per aver trascurato io stessa in primis la mia richiesta di aiuto. Mi dispiace di non aver detto neppure "ciao". Ma ti ringrazio lo stesso per il tuo supporto e ti saluto ora (se conta). :)
certo che conta il tuo saluto e mi fa piacere.
per il resto non c'è alcun problema e, come ti ho detto, non sono un esperto del problema che poni e penso che si possa soffrirne molto e trovo comunque importante quanto hai scritto. e credo sinceramente nella risposta che ho cercato di darti.
se vorrai proseguire il discorso, qui c'è chi ascolta. nella sezione del forum sui disturbi alimentari potrai inoltre trovare esperienze e voci di tante persone che hanno anch'esse sofferto o soffrono per questi problemi e magari leggere le loro testimonianze ti può essere utile.
ciao

unonessuno
Messaggi: 3
Iscritto il: 27 luglio 2014, 15:31

Re: Ne uscirò viva. Oppure no?

Messaggio da unonessuno » 3 agosto 2014, 13:32

Grazie mille. E' molto importante per me..

Rispondi

Torna a “Anoressia, bulimia, problemi con il cibo”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite