Main Menu

Giornate sul Trauma

Giornate sul Trauma: modelli clinici a confronto

 Giornate sul Trauma: modelli clinici a confronto

 

ARIRI
SCUOLA DI FORMAZIONE IN PSICOTERAPIA PSICOANALITICA
RICONOSCIMENTO MIUR D.M. 214 DEL 16.11.2000

Centro Congressi Hotel Excelsior
Via Giulio Petroni 15, Bari

Con il patrocinio di:
Ordine degli Psicologi di Puglia
Ordine dei Medici della Provincia di Bari

La scuola di formazione ARIRI organizza tre giornate sul trauma a Bari con lo scopo di fornire un aggiornamento teorico e clinico sulle conseguenze che esperienze traumatiche hanno nello sviluppo della mente e la personalità dell’individuo.
Saranno confrontati i diversi modelli clinici che negli ultimi tempi stanno accendendo un vivace dibattito nei vari ambiti scientifici attorno a questa tematica clinica spaziando dalla psichiatria alla psicoterapia, dalla psicologia alle neuroscienze.
A partire da un’ottica di psicopatologia dello sviluppo derivante da relazioni traumatiche precoci, saranno affrontati i temi di attaccamento traumatico, regolazione affettiva, dissociazione, modelli operativi interni (MOI) e dissociati (MOID), memorie traumatiche e le loro implicazioni sul processo terapeutico.

Le Giornate sul Trauma 2012 si svolgeranno in 3 incontri dalle 8.30 alle 17.30 presso il
Centro Congressi Hotel Excelsior
Via Giulio Petroni 15, Bari
articolati in una sessione teorica al mattino ed una clinica al pomeriggio.

PROGRAMMA del corso “Giornate sul Trauma”
27 ottobre
Mattina
Riccardo Williams

Trauma e processi evolutivi: identificazioni e memoria della relazione
L’ambito di studi del trauma attinge a diverse prospettive scientifiche e cliniche. Di particolare rilievo risultano quelle evolutive e delle neuroscienze. Tali campi di ricerca hanno permesso di evidenziare l’impatto che traumi relazionali precoci hanno su alcune dimensioni fondamentali per lo sviluppo della personalità. In questo seminario verranno presi in esame l’impatto delle esperienze traumatiche complesse sullo sviluppo dell’identità, dell’assetto motivazionale e sull’organizzazione dell’esperienza temporale del ricordo traumatico.
In questo ambito verranno esaminati in particolari i contributi di Karlen Lyons-Ruth, Russel Meares, e di Chris Brewin. Attraverso l’esame di casi clinici si prenderˆ in considerazione la gestione terapeutica delle diverse istanze legate all’esperienza traumatica. Verranno analizzati gli aspetti di diagnosi differenziale e specificità trattamento rispetto alla varietà di condizioni cliniche che si differenziano o presentano solo una parziale sovrapposizione con la clinica del trauma.

Pomeriggio
Parte clinica
Presentazione e discussione con R.Williams di un caso clinico in trattamento presentato da
Romina Barberio (psicologa psicoterapeuta specializzata ARIRI)

24 novembre
Mattina
Cesare Albasi

Attaccamenti traumatici, trauma, modelli operativi interni dissociati
Il concetto di trauma sarà visto da un punto di vista psicoanalitico relazionale e affronterà l’interrogativo di come si sviluppa la mente in un contesto traumatico. Le tracce mnestiche lasciate da una configurazione relazionale in contesti di attaccamenti traumatici precoci non permettono la regolazione adeguata degli stati affettivi interni e dei processi di mentalizzazione. I Modelli Operativi Interni Dissociati (MOID) sono strutture che contengono le tracce mnestiche dei fallimenti di processi adeguati di regolazione affettiva. Funzionano a un livello procedurale della mente, rimangono inconsci e non possono essere utilizzati soggettivamente in quanto il loro funzionamento è coartato dal processo dissociativo che li costituisce.
Traumi relazionali precoci producono un contesto di attaccamento traumatico dove non è possibile lo sviluppo di un processo di riconoscimento della soggettività del bambino con la sua specificità, i suoi bisogni, la sua creatività, la sua sensibilità. I MOID costringono l’individuo a relazioni in assenza di soggettività. E’ nel processo terapeutico che vi è la possibilità trasformativa in cui può avere inizio un processo di riconoscimento intersoggettivo.

Pomeriggio
Parte clinica
Presentazione e discussione con C.Albasi di un caso clinico in trattamento presentato da
Pina Giannico (psicologa specializzanda ARIRI)

12 gennaio 2013
Mattina
Giovanni Liotti

Sviluppo traumatico e dissociazione
La comprensione delle dinamiche mentali abnormi innescate dal trauma complesso richiede la considerazione di due sistemi motivazionali, frutto entrambi dell’evoluzione dei mammiferi: il sistema di difesa e il sistema di attaccamento. Il funzionamento abnorme di entrambi questi sistemi consente di comprendere i due tipi di processi e sintomi dissociativi (alienazione e compartimentazione) che caratterizzano i disturbi dell’adulto conseguenti ai traumi complessi nel corso dello sviluppo. Le conseguenze che tale modello etiopatogenetico implica per la psicoterapia verrà presentato nella discussione di casi clinici.

Pomeriggio
Parte clinica
Presentazione e discussione con G.Liotti di un caso clinico in trattamento presentato da
Clodomiro Catalano (psicologo clinico specializzando ARIRI)
Discussant
Lorenzo Giusti
Direttore della Scuola di Formazione ARIRI
Responsabile scientifico e moderatrice
Rita Gagliardi
Didatta della Scuola di Formazione ARIRI

ISCRIZIONI

Le iscrizioni sono riservate a medici e psicologi.
Le domande di iscrizione devono pervenire entro il 10 ottobre 2012 tramite posta elettronica alla Segreteria ARIRI (E-mail: ariri.scuola@yahoo.it).
La quota di iscrizione è di
– 250,00 euro +IVA (totale 302,50 euro) (con acquisizione di crediti ECM)
– 200,00 euro +IVA (totale 242,00 euro) (per coloro che hanno già partecipato a iniziative ARIRI a pagamento o che non necessitano di crediti ECM).
Sono stati assegnati 27 crediti ECM per psicoterapeuti (medici e psicologi) validi per il 2012.
Il numero massimo e’ di 60 partecipanti che verranno accettati in ordine cronologico di arrivo delle domande.

INFORMAZIONI

Per informazioni, rivolgersi alla Dr.ssa Rita Gagliardi
– Infotel: 347 0018171
– Infoweb: www.psychomedia.it/ariri
– Infomail: ariri.scuola@yahoo.it)



(Next News) »



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *