Calo del desiderio sessuale

0

Calo del desiderio sessuale prima della penetrazione

D Gentilissimo psicologo,
sono un ragazzo di 18 anni e ho un grande problema legato alla sfera sessuale: prima della penetrazione ho un calo del desiderio sessuale. Da circa 2 mesi sono assieme ad una ragazza della mia età. Le voglio un gran bene e sento di essere ricambiato: la nostra storia procede molto bene, sebbene per ben due volte abbiamo provato ad avere un rapporto sessuale ma con scarsi risultati da parte mia. Io non ho mai avuto nessun legame nè affettivo nè sessuale prima di questo. I fatti sono i seguenti: quando sto con lei, mentre ci abbracciamo, ci baciamo, mi eccito normalmente, provando anche delle lunghe erezioni. Quando, però, arrivo ad un passo dal rapporto, il desiderio cala bruscamente, il pene si ritira. Per cercare di rieccitarmi, così, penso a qualcosa di erotico o inizio a masturbarmi, provocando, così, un’eiaculazione precoce ancor prima di averla penetrata. Non mi sembra sia qualcosa a livello fisico ma, sono quasi convinto, sia qualcosa a livello mentale. Tuttavia in quest’ultimo periodo tutto procede molto positivamente, sia nella sfera affettiva, che scolastica, che familiare. Infatti frequento la 5° liceo con ottimi risultati e con questa ragazza ho un ottimo rapporto e non capisco cosa possa frenarmi.
Le chiedo cortesemente di analizzare il mio caso, che mi sta portando inesorabilmente verso la depressione, poichè mi sembra di rovinare tutto soprattutto nei confronti della ragazza, ancora vergine.
Ruggero P.

Risposta alla domanda: Calo del desiderio sessuale prima della penetrazione.

R Caro Ruggero,
il problema che mi descrive, in riferimento al calo del desiderio sessuale, è assai diffuso. Lei è molto giovane ed è ipotizzabile che il problema sia legato alla sua età e al fatto che la sua relazione è iniziata da pochissimo tempo. A volte il tempo e l’amore fanno miracoli e lei potrebbe risolvere il suo problema grazie a queste due grandi forze. Se così però non fosse, le consiglio di non indugiare troppo a lungo e di valutare la possibilità di una psicoterapia che, iniziata per tempo, potrà evitarle di trascinarsi inutilmente una preoccupazione che le impedisce di godere a pieno di una delle maggiori gioie della vita.

Un cordiale saluto e i miei migliori auguri.

Dr. Adriano Legacci

Condividi.

Informazioni sull'autore

Lascia una risposta